storia di una famiglia e di un popolo

Elia Suleiman, regista nato a Nazareth, racconta in questo film, la storia della Palestina dal 1948 ad oggi. È una storia che è vista attraverso gli episodi familiari di cui è stato testimoni ed altri che fanno parte della narrazione della famiglia stessa. Suleiman divide il racconto in quattro macro-episodi, che vanno dal 1948 ad oggi, passando per gli anni ’60 e gli anni ’80. Attraverso episodi di vita quotidiana, che ripetono a volta in modo ossessivo e una messa in scena sempre al limite del grottesco, il regista costruisce quello straniamento necessario per mettere sullo sfondo, senza allontanarlo, il grande conflitto vissuto dal suo popolo dal momento dell’occupazione israeliana. Recitazione e assenza di dialoghi quasi totale restituiscono l’assurdità di tale conflitto, che entra nell’intimità del tessuto familiare. Un linguaggio, quello di Suleiman, assolutamente originale, malinconico e tagliente che pur non mostrando quasi mai momenti drammatici, li evoca continuamente, in particolar modo nella sagoma che mette in scena egli stesso nel suo auto-interpretarsi nell’ultimo episodio.

Articoli Recenti

  • storia di una famiglia e di un popolo

Il tempo che ci rimane di Elia Suleiman

Settembre 14th, 2020|Commenti disabilitati su Il tempo che ci rimane di Elia Suleiman

Elia Suleiman, regista nato a Nazareth, racconta in questo film, la storia della Palestina dal 1948 ad oggi. È una storia che è vista […]

  • sentimenti e sesso

Una relazione privata di Frédéric Fonteyne

Settembre 10th, 2020|Commenti disabilitati su Una relazione privata di Frédéric Fonteyne

Un uomo e una donna, perfetti sconosciuti tra loro, si incontrano grazie a degli annunci online per dare vita ad una relazione esclusivamente sessuale. […]

L’articolo Il tempo che ci rimane di Elia Suleiman proviene da Counseling sostegno e aiuto Counselor a Roma.